Papa Paolo VI definì i santuari “cliniche dello spirito”: questi luoghi di pace, devozione e pellegrinaggio sono legati a eventi miracolosi o alla tradizione popolare. Ognuno ha una storia da raccontare, tesori di fede da custodire, leggende da tramandare. In Veneto, i santuari dedicati al culto della Madonna svelano un mondo in cui dimensione sacra e terrena si intrecciano in un legame indissolubile.

Storie di vita leggendarie, che si perdono nella notte dei tempi, rivivono accanto a storie più recenti in un percorso dedicato ai santi e ai beati vissuti in Veneto. Figure esemplari e modelli di santità che, attraverso i loro miracoli, i paesaggi contemplati e le opere compiute, ci accompagnano in luoghi di straordinario fascino artistico e religioso.

LA VIA DEI SANTI

  • Statua della Beata Giovanna Maria Bonomo – Asiago
  • Valle con i Santi alle finestre – Valle del Biois
  • Chiesa di San Lucano – Taibon Agordino
  • Isola di San Francesco del Deserto – Venezia
  • Casa natale di Santa Maria Bertilla Boscardin – Brendola
  • Beato Claudio Granzotto e la Grotta di Lourdes – Chiampo
  • Santa Giuseppina Bakhita e il Tempio della Sacra Famiglia del Convento delle Canossiane – Schio
  • Basilica dei Santi Felice e Fortunato – Vicenza
  • Santuario di San Leopoldo – Padova
  • Beato Giuseppe Toniolo e il Duomo di Santa Maria Assunta – Pieve di Soligo
  • Santuario di Santa Augusta – Serravalle di Vittorio Veneto
  • Beata Giuliana di Collalto – Susegana
  • Beata Maria Pia Mastena – San Fior
  • Basilica di Sant’Antonio – Padova
  • Chiesa di Santa Lucia – Treviso
  • Cammino di Sant’Antonio – Padova

Cammini, itinerari e monumenti sullo sfondo di scenari naturali in cui il tempo pare essersi fermato. Luoghi in cui la spiritualità è elevata dalla bellezza di terra e cielo, mentre lo sguardo si perde nella contemplazione di orizzonti lontani.

  • La Grande Rogazione – Asiago
  • Santuario del Buso – Gallio
  • Sacello della Madonna del Carmine – Gallio
  • Chiesa di Santa Margherita – Rotzo
  • Santuario del Carmine – Miane
  • Sui sentieri degli Ezzelini – Castello di Godego
  • Abbazia di Praglia – Padova
  • Antica Chiesa di Sant’Antonio Abate – Teolo
  • Eremo Camaldolese di Monte Rua – Torreglia
  • Monastero di San Daniele – Abano Terme
  • Itinerari della fede della Valpolicella
  • Cammino delle Dolomiti
  • Santuario Madonna di Paré – Limana
  • Sentiero Papa Giovanni Paolo II – Lorenzago di Cadore
  • Le chiese frazionali – San Vito di Cadore
  • Via Crucis ottocentesca – Sappada
  • Chiesa della Madonna della Neve – Val Visdende
  • Cammino di Sant’Antonio – Padova
  • Sant’Erasmo – Venezia

Avete in programma una vacanza in Veneto? Qualsiasi sia la vostra destinazione, il territorio riserva interessanti proposte per ogni Provincia:

VERONA: Se la vostra meta è il Lago di Garda, non potete perdervi la “REGATA DELLE BISSE”, una tradizionale gara remiera a bordo delle storiche imbarcazioni della Repubblica Veneta. 14 comuni per un totale di 20 imbarcazioni si sfidano in 9 eventi: i vincitori avranno l’onore di sfilare in Canal Grande a Venezia in occasione della Regata Storica.
Affacciata sul Lago di Garda si trova anche PUNTA SAN VIGILIO, la suggestiva località che lega il suo nome alla leggenda un eremita che trascorse in questo luogo quasi tutta la sua vita.
Per gli amanti dell’arte invece, il LESSINIA FEST propone serate con spettacoli teatrali, musica, danza e film; sperimentando immagini, scenografie e attori in quello che viene già considerato un grande festival culturale.

VICENZA: Se invece il vostro obiettivo è scappare dalla frenesia della città, la provincia di Vicenza rappresenta una perfetta meta di turismo enogastronomico. Per esempio, dal 31 luglio al 3 agosto a Conco (VI) si tiene LA FESTA DELL’ASIAGO DOP, in cui i principali produttori presenteranno le varie stagionature con assaggi e piatti preparati a vista, dimostrando la versatilità e la bontà di questo gustoso formaggio veneto. E ad Asiago si trova uno dei principali ossari militari della Prima Guerra Mondiale, dove riposano i resti di 33.086 caduti italiani.
Vicenza soddisfa anche gli amanti dei salumi con la SAGRA DELLA SOPRÈSSA VICENTINA DOP (Valli del Pasubio, 8-16 agosto) dove, oltre a intrattenimenti di vario tipo, si terrà la gara per la “Miglior Soprèssa dell’anno”.

VENEZIA: La provincia di Venezia, oltre alla magia del suo straordinario capoluogo, regala ai turisti chilometri di spiagge in cui si trovano famose località balneari e occasioni di intrattenimento. Per esempio, a Jesolo fino al 2 agosto è possibile ammirare la MOSTRA INTERNAZIONALE DI SCULTURE DI SABBIA, che quest’anno ha scelto come tema il Centenario della Grande Guerra: artisti di fama internazionale ricostruiranno le principali scene che caratterizzarono il primo conflitto mondiale.
E per chi dopo la visita desiderasse mangiare del buon pesce, a Cortellazzo si tengono le “FESTE MARINARE”: otto serate enogastronomiche in cui degustare ottimi piatti dell’Adriatico accompagnati da vini locali.

TREVISO: La provincia di Treviso con il Festival musicale “Sulle Vie del Prosecco” ci offre imperdibili concerti del maestro Yuri Bashmet nei luoghi più suggestivi del territorio. Come la Chiesa di S.S. Martino e Rosa di Conegliano (25 agosto), l’Abbazia di Santa Maria a Follina (28 agosto), oppure la Chiesa di San Francesco a Treviso (29 agosto) conosciuta per essere un pantheon di sepolture celebri.

PADOVA: Per quanti visitassero la città di Padova, la celebre BASILICA DEL SANTO fa certamente da capofila tra le mete da visitare.
E appena fuori città, precisamente a Torreglia situata a 18 km dal centro di Padova, si tiene ogni prima domenica del mese un curioso mercatino di erbe, piante e fiori nell’esclusivo contesto di Villa dei Vescovi, a cura del FAI – Fondo Ambiente Italiano.

BELLUNO: Anche Belluno offre agli amanti delle sue montagne una valida alternativa ad una giornata di passeggiata tra i sentieri. Ogni quarta domenica del mese si tiene infatti COSE DI VECCHIE CASE, un mercatino dell’antiquariato e dell’usato in cui oggetti d’arte e da collezione rivivono nel cuore del centro storico della città, dove tra le altre cose si trova l’imponente Cattedrale dedicata a San Martino di Tours, il celebre Santo che divise il proprio mantello con il povero.

ROVIGO: Anche il Polesine ci offre un’interessante Mostra. HORTUS HOMINUM, realizzata con il Patrocinio di Expo Milano 2015, ci racconta le principali tappe dello sviluppo dell’agricoltura e dell’allevamento, ponendo particolare attenzione alla “filosofia del cibo”.

Consultate il nostro Calendario per rimanere sempre aggiornati sugli eventi in Veneto.

Lo stemma scelto da Giovanni Paolo II per il suo papato omaggiava il mistero centrale del cristianesimo: quello della Redenzione. Su una base celeste, campeggia una croce d’oro la cui forma è innovativa rispetto ai modelli usati fino a quel momento. Il motivo per cui la croce è spostata verso l’alto dello scudo è la presenza di una grande M maiuscola, che ricorda la presenza della Madonna sotto la Croce e la sua partecipazione alla Redenzione.

L’intensa devozione del Pontefice alla Vergine Santa si manifestava anche nel motto del già Cardinale Wojtyła: TOTUS TUUS. Proprio Giovanni Paolo II nel suo saggioVarcare la soglia della speranza scrisse: “L’orientamento verso una tale devozione si è affermato in me nel periodo in cui, durante la Seconda Guerra Mondiale, lavoravo come operaio in fabbrica (…) Grazie a San Luigi Grignion de Montfort compresi che la vera devozione alla Madre di Dio è invece proprio cristocentrica, anzi è profondissimamente radicata nel Mistero trinitario di Dio, e nei misteri dell’Incarnazione e della Redenzione”.